Antichrist


Antichrist

Va innanzi tutto specificata la negazione della visione di questo film ( AntiChrist) ad un pubblico minorenne in quanto in esso sono racchiuse scene molto forti sa sopportare, anche a fini sessuali e pornografici. La trama narra di due persone, Willem Dafoe e Charlotte Gainsbourg, che sono marito e moglie. I due sono sposati da tempo e hanno anche un bel figliolo, a cui però attande una sorte molto brutta.

Il bambino, lasciato da solo nel box per bambini, mentre i genitori fanno l’amore, incuriosito dala neve che cadeva all’esterno si avvicinerà alla finestra là vicino, fino a sporgersi eccessivamente per poi precipitare in basso, senza nessuna via di scampo.

Il trauma più grande però sarà per i genitori, in particolare per la madre che non vorrà rassegnarsi, e la quale sarà letteralmente colpita dai rimorsi e dai sensi di colpa per aver lasciato il box così vicino alla finestra. Il marito anche rimarrà molto scioccato dall’avvenimento, ma essendo anche uno psichiatra di professione, cercherà di non impazzire, e di curare psicologicamente la moglie quasi depressa, nonostante non sia consentito fare tale terapeutica con familiari secondo l’etica.

Il film proseguiràpoi in una casetta in mezzo ad un bosco dove avverrà di tutto e di più, e dove a parer nostr il regista Lars von Trier si è lasciato prendere la mano un po’ troppo, facendo sfociare il tutto in una maniacata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.