Popieluszko (2009) – Recensione


Popieluszko - Locandina

Rafal Wieczynski è il regista per questo nuovo film documentario / drammatico, Popieluszko, che parla del leggendario ancora sfortunato sacerdote polacco Jerzy Popieluszko, meglio conosciuto come il campione più avanzato dei movimenti anti-comunista di solidarietà.

Nonostante il raggiungimento di stato eroico in molti settori, Popieluszko ha anche richiamato l’ira del governo comunista e cadde in preda a una morte straordinariamente violenta per mano di tre agenti dei servizi di sicurezza polacca nel mese di ottobre 1984.

Il film ricrea drammaticamente gli eventi principali della vita di Popieluszko, con Adam Woronowicz a raffigurare il martire, Joanna Szczepkowska come Roma Szczepkowska, e Antoni Krolikowski come Grzegorz Przemyk.

Nelle due ore e mezza di racconto, Wieczynski si concentra sui rapporti con alcuni degli operai di Solidarnosc e con le loro situazioni familiari e personali, mancando poi di allargare lo sguardo, di convertire il piccolo episodio in grande racconto. Il film è uscito ieri, 6 novembre 2009, nella sale italiane.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.