X-Men: First Class, parlano gli sceneggiatori


Manca poco più di un anno all’uscita di “X-Men: First Class“, che andrà nelle sale cinematografiche il 3 giugno 2011. Bryan Singer ha collaborato molto alla stesura del film, e nel ruolo di produttore esecutivo si sta dando da fare, insieme al regista della pellicola Matthew Vaughn, per completare il cast del film. Ancora non ci sono molti nomi in ballo, sono veramente poche le indiscrezioni su questa pellicola. Le uniche informazioni ce le danno i due sceneggiatori, Zack Stentz e Ashley Miller, intervistati negli Usa qualche giorno fa.

Come avete fatto a finire nel radar della Fox per First Class?
Zack Stentz: “Abbiamo avuto uno di questi incontri generali dove i dirigenti dicono: “devo trovare qualcosa per voi ragazzi”. E ti aspetti di non sentirli più”.
Ashley Miller: “Loro sapevano che abbiamo lavorato a Thor, sapevano che conoscevamo l’universo Marvel, adorano come scriviamo, e hanno pensato che potessimo dare qualcosa al film che fosse compatibile con la visione di Bryan Singer”.

Qualcuno di voi due aveva mai letto il fumetto “X-Men: First Class” di Jeff Parker prima di accettare il lavoro?
Ashley Miller: “No, tutto quello che abbiamo ascoltato sono state le idee di Bryan”.
Zack Stentz: “E’ stato quello che ci ha convinto immediatamente. A giudicare da quello che ci diceva Bryan, sembrava un altro tassello nel mosaico emotivo e drammatico dei primi due film”.

Com è stato il vostro primo incontro con Bryan Singer?
Ashley Miller: “Bryan è molto collaborativo. E’ intelligente, sa che quel che vuole ed è grande nel costruire scene e momenti forti. E quando si tratta del genere supereroistico, vuole capire come e perchè le cose funzionano”.

Com’è lavorare con Matthew Vaughn?
Ashley Miller: “Onestamente, ancora non ci abbiamo parlato”.

Avete finito lo script di X-Men: First Class?
Ashley Miller: “Certo, lo script è pronto. Ma queste cose non sono davvero finite finchè non girano e montano tutto”.

Quanto è stato veloce il processo? Sembra che stiano correndo per questo film.
Ashley Miller: “E’ stato un processo molto veloce, credo che non sia un segreto”.
Zack Stentz: “Hanno eliminato quelle due-quattro settimane di attesa tra la consegna di una bozza e l’altra. E’ incredibile vedere quanto a volte il processo di sviluppo sia lento. E quanto si riesca a velocizzare se si toglie il grasso in eccesso, la televisione ne è una prova”.

Sembra che voi siate ormai sceneggiatori Marvel. Non è una posizione brutta in cui essere.
Ashley Miller: “E’ un interessante modo di vedere le cose. Credo che ci siano tre film Marvel in uscita il prossimo anno e noi ne abbiamo scritti due”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.