Weekend al Cinema/3, ecco i nove nuovi film del fine settimana


Consueto appuntamento del fine settimana con “Weekend al Cinema“, la rassegna dei nuovi film che arrivano in questo weekend in Italia. Per questo fine settimana sono ben nove le pellicole che usciranno venerdì 1 aprile. Eccole nel dettaglio: “Boris – il film”, “Hop”, “Kick-Ass”, “La fine è il mio inizio”, “L’Affare Bonnard”, “Mia moglie per finta”, “Poetry”, “Questo mondo è per te”, “The Ward – Il Reparto”. Concludiamo oggi questa rassegna con gli ultimi tre film, ossia “Poetry”, “Questo mondo è per te”, “The Ward – Il Reparto”.

Poetry, film drammatico sudcoreano di Lee Chang-dong, con Yun Jeong-hie, Ahn Nae-sang. Il film racconta la storia di una donna eccentrica, Mija, che vive col nipote, uno studente liceale, in una piccola città di provincia. La donna segue un corso cultuarale e per la prima volta compone un poema: per la prima volta scoprirà cose che non aveva mai pensato, tanto da capire che la vità non è magnifica come aveva creduto fino a quel momento.

Questo mondo è per te, film di Francesco Falaschi, con Cecilia Dazzi, Paolo Sassanelli, Matteo Petrini, Sergio Sgrilli, Massimiliano Bruno, Eugenia Costantini. E’ la storia di Teo, un giovane diplomato che avrà di fronte alcune scelte da fare. Deciderà di entrare nel mondo di lavoro, per poi poter avere una autonomia economica tale da permettersi l’iscrizione ad un corso per aspiranti scrittori. Ma ci saranno numerose “prove” da affrontare, tante scelte in diversi campi e Teo…

The Ward – Il Reparto, thriller horror americano del regista John Carpenter. Nel cast troviamo Amber Heard, Danielle Panabaker, Lyndsy Fonseca, Mamie Gummer, Jared Harris, Mika Boorem, Leigh-Laura. Kristen è una donna disturbata, si ritrova rinchiusa in un reparto di un ospedale psichiatrico, piena di lividi e tagli. Non sa perchè si trova lì, ma sa di non essere al sicuro. Ma le cose non sono come sembrano e Kristen dovrà stare molto attenta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.