Avatar (2010) – Recensione


avatar

Uscirà nelle sale italiane il 15 gennaio il film più atteso dell’anno, un mix di azione, thriller ed avventura, il tutto in un ambiente di fantascienza: è la pellicola del regista James Cameron “Avatar“.
Diretta e sceneggiata dallo stesso Cameron, la pellicola vede nel cast attori del calibro di Sam Worthington, Sigourney Weaver e Michelle Rodriguez.
Il film racconta la storia di Jake Sully, un ex marine sulla sedia a rotelle, che entra in un mondo alieno.

E’ stato contattato per inviare una squadra di umani sul pianeta di Pandora, dove alcune società stanno estraendo un minerale che si rileverà l’unica sostanza in grado di risollevare la crisi energetica che si è abbattuta sulla Terra.

Ma sul Pianeta Pandora, l’aria è tossica, quindi è stato progettato il programma “Avatar“, ossia dotare i piloti di un corpo organico, geneticamente modificato, che si controlla a distanza. Jake, sempre sulla sedia a rotelle, rinasce grazie al corpo organico, e col suo spirito battagliero si infiltra fra i Na’vi, abitanti locali ostacolo per conquistare questo prezioso minerale e qui si innamorerà di una donna Na’vi…

Il film, in 3D nei cinema dotati, fu pensato e scritto 15 anni fa Cameron, che ha aspettato che fossero creati sistemi di effetti speciali tali da consentire la piena riproduzione di ciò che scrisse, sullo schermo.

Ed ecco, carissimi Lettori, il trailer di Avatar, che vi avevamo proposto qualche giorno fa.

1 Commento su Avatar (2010) – Recensione

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.